Passa ai contenuti principali

Immagini

 C'è in te una forza potentissima: l'immaginazione.
Essa è capace di commuoverti fino alle lacrime o di farti sentire in paradiso, indipendentemente dalla realtà che ti circonda.
Quando piangi davanti alle immagini di un film, sei perfettamente consapevole che la vicenda cui stai assistendo non appartiene alle tue esperienze personali, eppure ti coinvolge esattamente come se ne facesse parte, entrando in questo modo effettivamente nel tuo vissuto emozionale.
Questo succede con tutte le immagini, quelle che stimolano sentimenti di comprensione, di tenerezza e d'amore, così come quelle che parlano di aggressività, dí distruzione e di violenza.


Tu cerchi di evitare immagini di questo secondo tipo ai tuoi bambini, come se tu, per il semplice fatto che sei adulto, fossi immunizzato al loro effetto. Le cose però non stanno così, sei esposto allo stesso pericolo di un bambino di tre anni; forse anche maggiore perché il momento in cui sei bersagliato da questo bombardamento è prevalentemente la sera, poco prima che tu entri nella dimensione del sonno. E in questa fase le tue esperienze della giornata, gli input che hai ricevuto si fissano in tutti i tuoi corpi sottili, determinando la loro salute.


Non ti è mai capitato di sentirti depresso, acciaccato, come un cane bastonato il giorno successivo a una litigata furiosa? Questo succede perché i sentimenti di separatività e di odio che hanno avuto modo di esprimersi in quella situazione di conflittualità si sono profondamente impressi nel tuo astrale proprio durante la notte, lasciandoti al risveglio una profonda sensazione di tristezza e oppressione.

 
Alla luce di questo fatto psicospirituale, porta più attenzione alle immagini di cui nutri la tua immaginazione durante la giornata e, soprattutto, la sera. Se ti capitasse di non poterti sottrarre a immagini negative, leggi qualche cosa, prima di addormentarti, che abbia l'effetto di rendere più leggero il tuo spirito, di nutrirlo con alimenti che gli siano congeniali.
Durante la notte ha da svolgere un lavoro molto importante per te e ha bisogno di contare su tutte le sue forze

Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Spina" di Dede Riva

 È facile meditare quando c'è pace nella mente e apertura nel cuore. Molto meno quando si prova irritazione, aggressività, odio, tristezza. Ma sono proprio queste le situazioni in cui la meditazione potrebbe essere di maggiore aiuto. Allora, come spezzare questo circolo vizioso? Puoi farlo utilizzando proprio quello che hai a disposizione in quel momento, tristezza, chiusura, ansia che sia. Per esempio, se in questo momento sei adirato con qualcuno, poni la tua stessa irritazione al centro della tua meditazione, entra in essa, esplorane la natura, insieme al tuo Sé. Come primo effetto avvertirai che scompare ogni giudizio nei suoi confronti; essa fa parte di te come ogni altro tuo pensiero e sentimento, e, se pensi a te stesso in termini di Unità, non può esserci critica per una tua parte perché non esiste più una parte di te, ma un solo te stesso, che ora è irritato, ma tra cinque minuti vibre¬rà di comprensione e gentilezza. Tu non sei una persona irritabile, triste, aggressiva,

La Montagna Sacra

  Guardando la Montagna Sacra quella mattina l'uomo notò che aveva un'espressione enigmatica — quella montagna era nota infatti per la sua mutevolezza espressiva — come se volesse dirgli: "Oggi ti svelerò il mio segreto, ma dovrai sudare per scoprirlo". L'uomo comunque si accinse a scalarla e, dopo ore e ore di cammino, a volte anche su sentieri impervi e pericolosi, finalmente arrivò sulla cima. Qui si fermò, anche per riprendere fiato, ma soprattutto perché aspettava che la montagna gli rivelasse il suo segreto; poiché nulla accadeva, si mise a guardare il panorama e, con sua sorpresa, vide che c'era un'altra montagna, più alta di quella su cui lui si trovava; doveva essere quella la Montagna Sacra. Allora si rimise in cammino e, dopo una scalata ancora più lunga e faticosa, arrivò sulla vetta; anche qui stette in attesa, ma anche qui non successe nulla. Ancora si guardò intorno e scorse in lontananza un'altra montagna, ancora più maestosa di quella