Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2020

"Pratica quotidiana" di Dede Riva

Prima di cominciare la tua giornata, prendi qualche minuto per te stesso, siediti in una posizione comoda, che ti consenta di tenere la schiena eretta — lo Yoga chiama la colonna vertebrale Brahma-Danda, bastone di Dio — chiudi gli occhi, porta l'attenzione al respiro e osservalo per qualche istante; diventane spettatore fino a che il respiro non assuma naturalmente un ritmo calmo e re­golare. A questo punto chiedi al tuo Sé di manifestartisi. Lo farà con un'immagine, un colore, un suono o con il silenzio. In qualunque forma ti si presenti, stai in contatto con lui, fallo entrare dentro di te, fai che pervada ogni cellula dei tuoi corpi, sentine tutta la Forza Vitale. Poi, durante la giornata, richiama alla mente per un breve istante quell'im­magine, quel suono, quel colore o quel silenzio, fallo vibrare in te per ricordarti che sei un Essere Divino. Può darsi che agli inizi la pratica al mattino ti richieda un quarto d'ora o più, ma se la continuerai, quest

"Gioia di vivere" di Dede Riva

Quando lavori, incontri un amico, ti prendi un momento di riposo, ti succe­de di avvertire piacere per quello che stai facendo? Oppure lo vivi come una cosa che "devi" fare? Se la risposta è legata a questa seconda ipotesi, allora la tua vita non è anco­ra divina. Dice lo psicologo C.G. Jung, grande medico dell'anima, che la liber­tà di volere è la capacità di fare con gioia ciò che dobbiamo fare. L'unico mezzo per ottenere questo risultato è amare tutto ciò che si fa, che sia spazzare il pavimento, scoprire una nuova stella o fare un compito in classe. E farlo alla perfezione. Gli Angeli si comportano così; tutto ciò che compiono è un consapevole atto d'amore. In fondo, la Scienza dello Spirito ci insegna che, se stiamo vivendo una vita su questa Terra, è per "studiare da Angeli". Che grande spreco di tempo e di energia sarebbe essere "rimandati"! Quando lavori, incontri un amico, ti prendi un momento di riposo, ti succe­de di av