Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2020

"Sprechi" di Dede Riva

A volte si è così desiderosi di ricevere amore da una o più persone che, se que­sto amore non ci viene dato nella misura e modalità delle nostre aspettative, ci sentiamo abbandonati, soli, traditi non solo da quella o quelle persone, ma dal mondo intero. Tu però, se vuoi, puoi evitare di cadere in questa trappola emozionale; basta che allarghi il tuo orizzonte per renderti conto che sei circondato da persone che sono gentili con te, che ti stimano, che cercano la tua compagnia e ti offro­no la loro, che ti rallegrano facendoti partecipare alle loro gioie, che ti accetta­no così come sei, che ti vogliono bene, che ti amano. E tutto questo può succedere anche se tra te e loro non c'è un rapporto stretto e duraturo. Devi però essere pronto e aperto a captare ogni atto d'amo­re compiuto nei tuoi confronti, altrimenti succede come a un fuoco d'artificio che ha preso umidità: viene acceso, sfrigola qualche istante, ma poi si esaurisce in una nuvola di fumo acre. Che grande

"Che eleganza!" di Dede Riva

In natura tutto è in continuo divenire, ogni cosa lascia andare il vecchio per accogliere il nuovo e mostrarlo in tutto il suo splendore. Così fanno le piante, così fanno gli animali, alcuni dei quali periodicamente mutano addirittura la pelle per rinascere a nuova vita, rinnovati anche nel loro aspetto più esteriore. Anche il tuo corpo si comporta allo stesso modo; forse non ne sei consape­vole, ma la stragrande maggioranza delle cellule che ti compongono oggi sono diverse da quelle che costituivano il tuo corpo solo sette anni or sono. Hai abbandonato quelle che avevano compiuto il loro ciclo vitale senza neppu­re accorgertene, senza provare la minima sofferenza per il distacco. Se così non fosse stato, oggi, anche se tu avessi trent'anni, il tuo fisico sarebbe decrepito. Ma tu, lo sai bene, non sei solo un corpo fisico; sei anche un corpo energe­tico dotato di capacità pensante, un corpo fatto di emozioni e un'entità spiri­tuale. Quest'ultima dimensione, pur es