Passa ai contenuti principali

"Ostacoli" di Dede Riva



Se nella vita ti trovi di fronte a un ostacolo, cerca di non perderne mai di vi­sta la duplice valenza: da una parte - quella cui dai maggior peso - la difficoltà, ma dall'altra l'opportunità, la grande occasione che ti viene offerta di acquisire nuove qualità e di diventare più completo, integrandole con quelle già in tuo possesso.

Non fermarti al primo aspetto continuando a guardare l'ostacolo, ad analiz­zarlo, a sezionarlo, ingigantendone così le dimensioni e lasciandoti sopraffare da esso. Non è questa la sua funzione, ma piuttosto quella di stimolarti ad an­dare avanti.

In fondo l'ostacolo sa di te molte più cose di quante tu non sappia. Sa, per esempio, che in te alcune forze sono pronte per venire alla luce; lo sa molto pri­ma che tu te ne accorga. E sa anche che, per attuare la trasformazione, devi ab­bandonare vecchi schemi mentali e modelli di comportamento superati. E allo­ra ti si costruisce davanti, pezzo dopo pezzo, sulla base delle informazioni che tu gli fornisci.

L'avrai sicuramente notato in precedenza: ogni difficoltà, ogni problema è fatto su misura per te; per un altro non sarebbe di nessuna utilità. Ti sei mai chiesto perché? Tí sei mai domandato perché ostacoli che a te sembrano mon­tagne, quando ne parli con chi non è direttamente coinvolto, vengono imme­diatamente ridimensionati?

Ricorda: da oggi in avanti, se ti troverai di fronte a una difficoltà, non ti sof­fermare a guardarne solo l'aspetto di impedimento, ma lancia un'occhiata anche all'elemento che per te rappresenta un'insostituibile opportunità di crescita.

Di solito poi, se allarghi il raggio della tua attenzione, ti accorgi che ti vengo­no forniti da più parti innumerevoli spunti per facilitarti questa operazione.

Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

Guarigione e Salute nel Cambiamento - La dott.ssa Laura Cea e La Medicina dell'Ascolto

La dott.ssa Laura Cea, medico chirurgo fondatrice della Medicina dell'Ascolto - Salutogenesi, ci racconta attraverso questo video che è possibile imparare, in modo semplice e gioioso, a vivere generando Salute per se stessi e per gli altri.
Si tratta di una nuova visione della Salute che parte dall'ascolto del corpo, a livello bioenergetico, bioemozionale e biosistemico.

Nel corso del Seminario "Guarigione e Salute nel Cambiamento - La Medicina dell'Ascolto", la dott.ssa Cea condividerà delle tecniche, tanto semplici quanto efficaci, per imparare a comprendere il linguaggio del nostro corpo e del nostro cervello, i nostri bisogni e i nostri vissuti, il modo in cui ci relazioniamo e come reagiamo agli eventi per poter creare Salute sia per noi stessi sia per gli altri.

Verranno condivise, ad esempio, delle semplici tecniche di respirazione per gestire, riconoscere e "scongelare" le emozioni bloccate nel nostro sistema.
Impareremo a mettere in congruenza…