Passa ai contenuti principali

"Abbracci" di Dede Riva


Hai mai notato quanti modi di abbracciare esistono?
Ci sono persone che tendono le braccia nel gesto di avvicinare a sé colui che vogliono abbracciare, ma in realtà se ne servono per tenerlo distante; altre lo fanno come se dovessero tenere eretto di fronte a sé un pezzo di legno; altre lo fanno frettolosamente, tanto per togliersi il pensiero; altre ancora si tuffano, letteralmente, sull'oggetto del loro abbraccio, soffocandolo.
Se ci si pone dalla parte di quest'ultimo troviamo persone che lo subiscono, che si guardano attorno smarrite, che non sanno bene cosa fare, che si irrigidiscono.
Pensa: tutto questo per un gesto che dovrebbe essere di comunicazione e d'amore!
Il maestro buddhista Thich Nhat Hanh insegna questa "meditazione dell'abbraccio":
"Quando volete abbracciare una persona, dovete prepararvi, respirando tre volte, per essere al vostro meglio: Inspirando, mi calmo. Espirando, sorrido.
A questo punto, sarete tornati pienamente in contatto con voi stessi, vivi e presenti, e quindi sarete qualificati per l'abbraccio. Congiungete le mani verso la persona - coniuge, figlio - e l'altra persona saprà che volete abbracciarla, e per questo dovrà smettere di pensare, di fare progetti, di perdersi nel passato o nel futuro, e si preparerà a rispondere alla vostra richiesta. Qualsiasi cosa stia facendo, dovrà smettere per poter praticare: Inspirando, mi calmo. Espirando, sorrido.
Con ciò sarà presente e viva, e allora l'abbraccio potrà cominciare. Quando tenete l'altra persona tra le braccia, respirate profondamente:
Inspirando, è viva tra le mia braccia.
Espirando, sono così felice.
Dovere farlo per almeno tre volte.
Poiché le persone sono entrambe vive e presenti, l'abbraccio è molto profondo.
Se non avete mai abbracciato la persona che amate in questo modo, penso che dovreste provarci, altrimenti un giorno potreste rimpiangere di non averlo fatto."
Forse ti verrà da sorridere, pensando che se tutti dovessimo fare così nessuno al mondo si abbraccerebbe più, ma io non credo; penso che le persone realmente innamorate continuerebbero a farlo, perché per esse è naturale farlo in quel modo.
E allora impara a farlo anche tu, da oggi: impara ad abbracciare e a rispondere all'abbraccio come una persona innamorata.
Anche perché, in caso contrario, come dice il maestro, potresti rimpiangerlo poi e ogni rimpianto è una piccola tessera che aggiungi al tuo mosaico karmico.
Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

Guarigione e Salute nel Cambiamento - La dott.ssa Laura Cea e La Medicina dell'Ascolto

La dott.ssa Laura Cea, medico chirurgo fondatrice della Medicina dell'Ascolto - Salutogenesi, ci racconta attraverso questo video che è possibile imparare, in modo semplice e gioioso, a vivere generando Salute per se stessi e per gli altri.
Si tratta di una nuova visione della Salute che parte dall'ascolto del corpo, a livello bioenergetico, bioemozionale e biosistemico.

Nel corso del Seminario "Guarigione e Salute nel Cambiamento - La Medicina dell'Ascolto", la dott.ssa Cea condividerà delle tecniche, tanto semplici quanto efficaci, per imparare a comprendere il linguaggio del nostro corpo e del nostro cervello, i nostri bisogni e i nostri vissuti, il modo in cui ci relazioniamo e come reagiamo agli eventi per poter creare Salute sia per noi stessi sia per gli altri.

Verranno condivise, ad esempio, delle semplici tecniche di respirazione per gestire, riconoscere e "scongelare" le emozioni bloccate nel nostro sistema.
Impareremo a mettere in congruenza…