Passa ai contenuti principali

"Sogno e meditazione" di Dede Riva


Il tuo Sé superiore conosce sempre cosa è meglio per te, ma non sempre rie­sce a far pervenire il suo messaggio alla dimensione interessata perché il canale di comunicazione è ocduso. Esso si serve allora di altri strumenti, tra cui, una posizione primaria occupa il sogno.

Il sogno è considerato fin dalla notte dei tempi veicolo di messaggi celesti; esso si esprime però con un linguaggio simbolico, celando all'interpretazione letterale il vero significato e noi, uomini e donne del terzo millennio, abbiamo disimparato a tradurlo, trascurando questa potenzialità a tal punto che molti sono convinti di non sognare perché non ricordano i loro sogni e non li ricor­dano proprio perché non prestano loro attenzione.

Se già non l'hai fatto, è il momento di riappropriarti di questa facoltà; la sera, prima di addormentarti, ripeti a te stesso una frase del tipo: "Io ricordo perfettamente i miei sogni". Può darsi che il meccanismo non scatti subito, ma se persisterai per qualche tempo, ti sorprenderai un giorno ad avere chiare in mente le tue immagini oniriche.

A questo punto puoi anche programmare i tuoi sogni, impostandoli su un problema che ti sta a cuore, per ottenere suggerimenti e indicazioni o per avere chiarimenti. Può succedere che tu non riesca subito a tradurre la simbologia onirica, ma, se questo non accade, hai comunque a disposizione uno strumento straordinario per decodificarla: la meditazione. 

Poni allora durante il giorno come oggetto meditativo gli elementi onirici che non hai compreso, e la tua ca­pacità immaginativa e intuitiva, unite al rilassamento, faranno emergere il vero significato, giusto per te. Perché, esotericamente parlando, sonno, sogno e me­ditazione sono tre aspetti differenti di uno stesso stato.

Inizierai allora un dialogo con il tuo Sé che ti aiuterà a percorrere con passi sicuri il tuo cammino evolutivo e ti porrà nella condizione di essere d'aiuto an­che ad altre persone.

Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee.


Commenti

Post popolari in questo blog

Immagini

 C'è in te una forza potentissima: l'immaginazione. Essa è capace di commuoverti fino alle lacrime o di farti sentire in paradiso, indipendentemente dalla realtà che ti circonda. Quando piangi davanti alle immagini di un film, sei perfettamente consapevole che la vicenda cui stai assistendo non appartiene alle tue esperienze personali, eppure ti coinvolge esattamente come se ne facesse parte, entrando in questo modo effettivamente nel tuo vissuto emozionale. Questo succede con tutte le immagini, quelle che stimolano sentimenti di comprensione, di tenerezza e d'amore, così come quelle che parlano di aggressività, dí distruzione e di violenza. Tu cerchi di evitare immagini di questo secondo tipo ai tuoi bambini, come se tu, per il semplice fatto che sei adulto, fossi immunizzato al loro effetto. Le cose però non stanno così, sei esposto allo stesso pericolo di un bambino di tre anni; forse anche maggiore perché il momento in cui sei bersagliato da questo bombardamento è prev

Il punto di svolta

  Il punto di svolta Hai mai provato a portare tutta la tua attenzione al respiro? Se ti è successo avrai notato che, dopo aver riempito i polmoni d'aria, c'è una piccolissima pausa, un istante d'arresto infinitesimale, prima che l'aria cominci a uscire. Lo stesso accade al termine dell'espirazione, quando i polmoni si sono svuotati, ma ancora l'aria non ha cominciato a entrare. È il momento dell'inversione di tendenza, il punto di svolta. È un istante magico, un momento in cui nel tuo corpo fisico, e quindi anche in quelli più sottili, si preparano trasformazioni vitali di cui, per lo più, non sei consapevole. È in questo momento che, come dice l'antica sapienza orientale, puoi entrare in contatto con l'Assoluto, puoi lasciare alle spalle il mondo della dualità per scoprire e vivere la dimensione dell'Uno. È il momento in cui la confusione si prepara a diventare chiarezza. Si prepara; non è ancora chiarezza, ma non è più confusione. Tutto è sosp

I verdi del bosco

5 agosto                           I verdi del bosco Seduto in un prato di montagna, hai mai provato a contare tutte le sfumature di verde che vedi intorno a te? C'è quello caldo dell'erba, a sua volta fatto di un miscuglio di mille verdi diversi, c'è quello trasparente dei larici, quello argentato di alcuni pini, quello scuro degli abeti, quello polveroso del muschio, quello trasparente delle felci e così via. Sono tutti così perfettamente dosati che l'immagine d'insieme che ne trai è di grandissima armonia e ti fa sentire in pace con te stesso e con l'Universo. Perché, viceversa, provi una sensazione di fastidio e di irritazione quando ti trovi in mezzo alla gente o quando qualcuno non la pensa come te?   La stessa ricchezza di tonalità del bosco la trovi nel mondo in cui vivi; ognuno ha il suo colore, la sua vibrazione. Può darsi che sia molto diversa dalla tua, ma è proprio da questa ricca differenziazione che proviene la sensazione di armonia. Immagina come