Passa ai contenuti principali

"Linguaggi" di Dede Riva


Hai mai notato quanti sono i linguaggi che ascolti durante la giornata?
Forse credi che sia esclusivamente quello fatto di parole cui sei abituato, ma questo è solo il più grossolano e, a volte, fonte di malintesi.

Ce ne sono altri, più sottili, ma non per questo meno percepibili. Ad esem­pio, quello che parlano gli esseri viventi dei regni di natura cosiddetti inferiori; non è una comunicazione verbalizzata — o forse sì, visto che tanti parlano alle loro piante e animali - ma sicuramente di grande intensità energetica.

C'è poi il linguaggio delle emozioni, forte, perentorio, tanto nel ricaricare quanto nel deprimere; quello dei pensieri, ricco d'informazioni e instancabile; quello del Sé, calmo e rassicurante; quello degli Angeli, di insegnamento e col­laborazione amorevole, e quello di Dío, fatto di silenzio, di intimità e d'amore.

Ognuno di questi piani di realtà ha qualcosa da dirti, spesso molto impor­tante, e tu sei in grado di comprendere il loro messaggio se solo ti metti in sin­tonia con chi desidera comunicare con te.

È solo una questione di attenzione; come sei dotato di orecchie per percepi­re il linguaggio oggettivo, così già possiedi gli organi dí questo udito sottile. Devi solo attivarli attraverso la tua attenzione.

Prova oggi ad abbassare il volume di ciò che ricevi dalla dimensione sensoriale oggettiva, non a spegnerlo, ma solo ad attenuarne l'intensità, e stai in ascolto...

Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

“La trama della vita” di Dede Riva

Ti sembra a volte che i tuoi giorni siano vissuti a caso, slegati uno dall'altro? O hai la sensazione che un filo sottile li unisca e che le tue azioni, i tuoi pensie­ri, le tue emozioni di oggi siano frutto di ciò che hai fatto, pensato e sentito ieri e matrice, a loro volta, di ciò che farai, penserai e sentirai domani?

Esiste una differenza abissale tra un atteggiamento e l'altro. Nel primo tu ti lasci vivere dalla vita, inconsapevole del tuo potenziale creativo nei suoi con­fronti. Nel secondo prendi in mano tu le redini della tua esistenza e le tieni sal­damente, dirigendola verso le mete che tu sai essere giuste per te.

È solo quando impari a riconoscere la trama della tua vita che puoi lasciarti andare, lasciarti vivere da essa, non con un atteggiamento fatalistico, ma nella consapevolezza, avvertita con il cuore e con la mente, di fare parte del grande flusso della Vita, di farne parte in modo ricettivo e creativo.

È un sottile equilibrio, difficile da spiegare a paro…