Passa ai contenuti principali

“ALADIAH, l'Angelo della Grazia” di Dede Riva

Se esamino i miei rapporti interpersonali passati, trovo alcune situazioni nelle quali, a causa di una sensibilità ampia ma incontrollata, ho reagito in modo affatto produttivo: per timore di vedere sconvolto il mio precario equilibrio, anziché cercare nuovi punti di riferimento, mi sono irrigidito, precludendomi la possibilità di rapporti di scambio appaganti.
Oggi, Aladiah, Fratello della Grazia che rende Sensibili, sono in grado di comprendere che proprio questa sensibilità è il mio punto di forza perché mi consente di recepire le informazioni provenienti dalla mia interiorità, dai miei interlocutori, dal Pianeta e dal Cosmo, di comunicare con tutti questi piani e agire in conformità.

Posso finalmente aprirmi al mio sentire per gioi­re della sua intensità e immettere questa gioia in ogni istante della mia esistenza, e, poiché la gioia non passa mai inosservata, profonderla a piene mani a tutti coloro che, trovandosi a incrociare il mio cammino, ne sono at­tratti.

Una gioia forte e lieve, vera perché ancorata alle solide basi di un equilibrio elastico, tanto più solide quanto più è dinamico l'equilibrio su cui poggiano. Lontana è la rigidità che fa soffrire, perché spezza qualcosa dentro; non tanto però da impedirmi di riconoscerla in chi ora sta vivendo la mia stessa condizione di un tempo, di comprenderla e di mostrare, sem­plicemente con la testimonianza della mia vita, che è una compagna che si può abbandonare con sicurezza quando si porge il cuore al messaggio che Tu rechi.

E vivere tutti insieme, con il tuo favore, la grazia che ne deriva.
Insieme a Te, con gratitudine. E così sia.

L'azione del giorno

Oggi, superando la pigrizia e l'attaccamento alle vecchie abitudini, com­pio qualcosa che mi procura un profondo piacere; può essere la gratifica­zione che deriva dall'eseguire qualcosa a regola d'arte. Condivido la gioia che ne scaturisce con le persone direttamente coinvolte, allargando il giro, fin dove è possibile.

Dede Riva, Nuove Meditazioni Quotidiane, Edizioni Mediterranee.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

Guarigione e Salute nel Cambiamento - La dott.ssa Laura Cea e La Medicina dell'Ascolto

La dott.ssa Laura Cea, medico chirurgo fondatrice della Medicina dell'Ascolto - Salutogenesi, ci racconta attraverso questo video che è possibile imparare, in modo semplice e gioioso, a vivere generando Salute per se stessi e per gli altri.
Si tratta di una nuova visione della Salute che parte dall'ascolto del corpo, a livello bioenergetico, bioemozionale e biosistemico.

Nel corso del Seminario "Guarigione e Salute nel Cambiamento - La Medicina dell'Ascolto", la dott.ssa Cea condividerà delle tecniche, tanto semplici quanto efficaci, per imparare a comprendere il linguaggio del nostro corpo e del nostro cervello, i nostri bisogni e i nostri vissuti, il modo in cui ci relazioniamo e come reagiamo agli eventi per poter creare Salute sia per noi stessi sia per gli altri.

Verranno condivise, ad esempio, delle semplici tecniche di respirazione per gestire, riconoscere e "scongelare" le emozioni bloccate nel nostro sistema.
Impareremo a mettere in congruenza…