Passa ai contenuti principali

"I Grandi Maestri" - Partenza del ciclo di conferenze con Giulietta Bandiera




Chi sono i più grandi Maestri Spirituali che attraverso i secoli hanno guidato l’umanità verso la nuova coscienza?
Da Oriente a Occidente, in ogni tempo vi sono state menti ispirate, da Lao Tze a Yogananda, da Giordano Bruno a Ildegarda di Bingen, da Albert Einstein a Rudolf Steiner, da Carl G. Jung, a Georges I. Gurdjieff, fino a Carlos Castaneda, Alejandro Jodorowski, Deepak Chopra, Louise Hay, Ekhart Tolle e tanti, tantissimi altri, i quali, in ogni tempo, hanno saputo carpire i segreti dell’Universo e condividerli con noi.
Verrà inaugurato stasera il ciclo di conferenze, curate e condotte da Giulietta Bandiera, che ci accompagnerà in un viaggio fantastico alla scoperta delle loro vite e dei loro insegnamenti, per ricalcare le orme di questi grandi spiriti che da sempre illuminano il nostro cammino.
Ecco i primi appuntamenti in programma:
Giovedì 21 marzo alle 20.30 YOGANANDA
Giovedì 11 aprile alle 20.30 CONTE DI SAINT GERMAIN
Giovedì 23 maggio alle 20.30 ILDEGARDA di BINGEN
Giovedì 6 giugno alle 20.30 CARL G. JUNG
Giovedì 26 settembre alle 20.30 GEORGES I. GURJIEFF
Giovedì 17 ottobre alle 20.30 LOUISE HAY
Giovedì 14 novembre alle 20.30 CARLOS CASTANEDA
Giovedì 12 dicembre alle 20.30 GIORDANO BRUNO
Per info e prenotazioni: 02 8373930 o info@psicodinamicaispa.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

“La trama della vita” di Dede Riva

Ti sembra a volte che i tuoi giorni siano vissuti a caso, slegati uno dall'altro? O hai la sensazione che un filo sottile li unisca e che le tue azioni, i tuoi pensie­ri, le tue emozioni di oggi siano frutto di ciò che hai fatto, pensato e sentito ieri e matrice, a loro volta, di ciò che farai, penserai e sentirai domani?

Esiste una differenza abissale tra un atteggiamento e l'altro. Nel primo tu ti lasci vivere dalla vita, inconsapevole del tuo potenziale creativo nei suoi con­fronti. Nel secondo prendi in mano tu le redini della tua esistenza e le tieni sal­damente, dirigendola verso le mete che tu sai essere giuste per te.

È solo quando impari a riconoscere la trama della tua vita che puoi lasciarti andare, lasciarti vivere da essa, non con un atteggiamento fatalistico, ma nella consapevolezza, avvertita con il cuore e con la mente, di fare parte del grande flusso della Vita, di farne parte in modo ricettivo e creativo.

È un sottile equilibrio, difficile da spiegare a paro…