Passa ai contenuti principali

L’immagine dell’io e l’abitudine alla felicità



Come ci percepiamo? Come vediamo noi stessi? Quale immagine di noi ci restituisce lo specchio e come essa influenza la nostra visione del mondo?  Si può acquisire l’abitudine alla felicità?

Allineare e rendere coerenti i propri obiettivi e desideri con l’immagine interiore di sé è uno dei segreti del benessere e del successo.

Il ritratto interiore che ciascuno porta con sé quotidianamente contiene, a livello più o meno consapevole, le credenze su di sé, ciò che si crede di essere e di valere, ciò che ci si aspetta da se stessi e che si ritiene di meritare.

A comporre questo autoritratto sono le infinite tessere delle esperienze, dei vissuti di successo e di fallimento, delle gioie e delle frustrazioni, delle reazioni degli altri nei propri confronti. L’immagine dell’io va strutturandosi fin dalla prima infanzia, diventa la propria storia personale, il nucleo profondo e consolidato che spinge ad agire come se si fosse la persona che si ritiene di essere.

L’immagine dell’io, come sostiene Maxwell Maltz, è la chiave della personalità e del comportamento umano: cambiare l’immagine dell’io equivale a cambiare la personalità e il comportamento. Ciò non può avvenire se, prima, non si impara ad accettarsi per come si è, con tutte le proprie fragilità, e nemmeno può avvenire attraverso uno sforzo di volontà: il comportamento che nasce da immagini interiori può essere modificato solo con nuove immagini interiori, attraverso l’uso sapiente e funzionale dell’immaginazione creativa ed esercizi di visualizzazione, percezione corporea e respirazione.

Attraverso la pratica quotidiana volta a consolidare i nuovi “programmi” mentali, avviene una graduale ristrutturazione dell’immagine interiore di sé e il dischiudersi di nuovi orizzonti e possibilità di scelta. Certamente, il maturare di una maggiore consapevolezza e qualità del proprio “stare nel mondo”. Si diventa ciò che si pensa, e questo è l’eterno mistero (Maitri Upanishad).

E la felicità? Ci si può “riprogrammare alla felicità”? Qualunque possa essere la vostra definizione di essa scriveva Maltz voi la ‘proverete’ soltanto provando maggiore desiderio di vivere. ‘Vita più completa’ vuol dire, tra le altre cose, maggiore compiutezza, il raggiungimento di mete degne di essere tali, dare e ricevere più amore, essere più sani e sentirsi più sereni, più felici per noi stessi e per il nostro prossimo”. 
A queste parole si è ispirata anche Dede Riva per mettere a punto la Psicodinamica Metodo ISPA
® che è stata, negli ultimi 40 anni, fonte di benessere per migliaia di persone.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medicina dell'Ascolto: la Salutogenesi e l'armonia evolutiva del nostro corpo

“Therapeuo” significa in prima istanza “servire” nel senso di “avere cura”. Da qui tutti i derivati possibili, primo tra tutti quello di “curare”, da intendersi sempre nel senso originario, cioè quello di servire, aver cura. La “therapeia” è, appunto, l’atto del “prendersi cura”. Il termine moderno di “medico” con tutti i suoi derivati, deriva dal greco “medo” che vuol dire, in prima istanza, “regolare”, “ordinare”, quindi, “tenere in ordine”, ossia “avere cura” (tenere in ordine qualcosa è, appunto, averne cura; e il medico è, o dovrebbe essere, colui che tiene in ordine). Peraltro, dal greco “medo” deriva anche il latino “medeor” che significa, ovviamente, “curare”, ma sempre in un senso, come dire, esistenzialmente marcato; tanto che da “medeor” deriva anche “meditor” (meditiamo gente…). “Auscultare”, indica propriamente l’atto del “porgere orecchio” , stare a udire con attenzione. Se poniamo attenzione al gesto del porgere l’orecchio, per porgere l’orecchio dobbiamo metterci di l…

"Caliel, l'Angelo del lasciar andare" di Dede Riva

Ci sono stati momenti nei quali ho provato la sensazione di essere bloccato in una situazione nella quale qualsiasi tentativo facessi per muovermi serrava ancora di più le catene che mi tenevano prigioniero.

Dopo innumerevoli tentativi, quando la fatica diventava insopportabile, mi sono arreso, mi sono fermato e l'immobilità del mio corpo ha reso immobili anche il mio pensare e il mio sentire.

Ho fatto allora l'esperienza del silenzio e, per quanto mi risultasse destabilizzante, vivendo io in un mondo di rumori assordanti, ho cominciato ad accettarlo, a trovarmici bene persino.
È a questo punto che ho potuto avvertire la tua presenza, Caliel, Angelo che Soccorri con Rigore: una vibrazione lenta, dal tono profondo che ha ri­svegliato in me l'energia stessa della Terra.

Quest'energia ha iniziato a cu­rarmi dentro, a farmi prendere coscienza che, dell'enorme serbatoio di sche­mi mentali, abitudini e matrici emozionali che mi portavo appresso, molti erano inutile zavorr…

Guarigione e Salute nel Cambiamento - La dott.ssa Laura Cea e La Medicina dell'Ascolto

La dott.ssa Laura Cea, medico chirurgo fondatrice della Medicina dell'Ascolto - Salutogenesi, ci racconta attraverso questo video che è possibile imparare, in modo semplice e gioioso, a vivere generando Salute per se stessi e per gli altri.
Si tratta di una nuova visione della Salute che parte dall'ascolto del corpo, a livello bioenergetico, bioemozionale e biosistemico.

Nel corso del Seminario "Guarigione e Salute nel Cambiamento - La Medicina dell'Ascolto", la dott.ssa Cea condividerà delle tecniche, tanto semplici quanto efficaci, per imparare a comprendere il linguaggio del nostro corpo e del nostro cervello, i nostri bisogni e i nostri vissuti, il modo in cui ci relazioniamo e come reagiamo agli eventi per poter creare Salute sia per noi stessi sia per gli altri.

Verranno condivise, ad esempio, delle semplici tecniche di respirazione per gestire, riconoscere e "scongelare" le emozioni bloccate nel nostro sistema.
Impareremo a mettere in congruenza…